PERIODICO IN FORMATO DIGITALE ISSN 2038-4351
 

Ricerca RICERCA AVANZATA
Print Page
  Direttore del network : dott. Paolo Loro Direttori scientifici: dott. Paolo Loro, avv. Raffaello Gisondi, dott. Gabriele Lami, ing. Antonio Iovine  
Espropriazione per la pubblica utilità URBIM - edilizia e urbanistica

LE CONCESSIONI DEMANIALI SCADUTE AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

Non occorre particolare fantasia per accorgersi che il Decreto Rilancio potrebbe generare una sterminata ed incontenibile prassi di affidamento “sommerso”. In altre parole, accanto alle concessioni appetibili per gli operatori del mercato (laddove l’auto-divieto può generare un contenzioso anche abbastanza vivace), nel territorio italiano potremmo trovare presto anche numerosi affidamenti demaniali “occulti”, i quali, a causa del disinteresse del mercato (magari però soltanto apparente, cioè dovuto proprio al fatto che la stessa procedura di evidenza pubblica è oggi vietata), rischiano di rimanere semplicemente nella disponibilità dei concessionari uscenti (con pagamento del canone, ma senza rilascio di alcun titolo concessorio impugnabile). E tutto questo per sempre, e addirittura senza che nessuno lo venga mai a sapere. È davvero difficile sostenere che questo fosse il modo migliore per coordinare i vari interessi in gioco durante l’emergenza epidemiologica da Covid-19.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.








































Powered by Next.it