PERIODICO IN FORMATO DIGITALE ISSN 2038-4351
 

Ricerca RICERCA AVANZATA
Print Page
  Direttore del network : dott. Paolo Loro Direttori scientifici: dott. Paolo Loro, avv. Raffaello Gisondi, dott. Gabriele Lami, ing. Antonio Iovine  
Espropriazione per la pubblica utilità URBIM - edilizia e urbanistica

 L’intervento su terreno acclive in prossimità di percorsi naturalistici non è per ciò solo incompatibile con il vincolo paesaggistico

La circostanza che l’area oggetto di intervento si collochi su un versante acclive ovvero che lo stesso sia prospiciente a percorsi naturalistici non costituisce di per sé un impedimento assoluto all’edificazione. La Soprintendenza, nelle sue valutazioni, deve sempre operare con un approccio gradualistico e proporzionato, verificando se, apportando le necessarie modifiche costruttive, sia possibile mitigare in modo soddisfacente l’impatto antropico delle opere nel contesto paesaggistico di riferimento, riservando l’opzione “zero” ai soli casi di irriducibile inconciliabilità del progetto con i valori oggetto di tutela.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 







































Powered by Next.it